GO

L'eziologia delle vampate di calore è complessa e ancora incerta. La causa più probabile è il cambiamento della funzione ipotalamica di termoregolazione in risposta ad una alterazione nella reazione ovarica, in altre parole, a causa della diminuzione della concentrazione degli ormoni sintetizzati dalle ovaie.

Funzioni dell'ipotalamo

L'ipotalamo è una ghiandola del cervello le cui funzioni sono regolate da ormoni specifici. Tra le funzioni dell’ipotalamo vi è il controllo della fame e della sazietà, del sonno e della temperatura corporea. L'ipotalamo mantiene costante la temperatura corporea; grazie ad esso (e attraverso il rilascio di diversi ormoni) aumenta o diminuisce la frequenza respiratoria e la sudorazione, tra gli altri meccanismi.

Prima della vampata, la temperatura interna è normale e costante. Si pensa che le vampate di calore siano il risultato di un’improvvisa diminuzione nel termostato centrale dei regolatori ipotalamici. Come e perché questo avviene, ancora non è certo, ma si pensa che sia dovuto ad un calo dei livelli di estrogeni e progesterone.

In sostegno a questa teoria, vi è il fatto che nella menopausa naturale sia abbastanza comune che i sintomi che si presentano siano lievi o addirittura assenti, che l’organismo si adatti gradualmente al declino ormonale e che le vampate di calore generalmente siano meno intense e frequenti.

Tuttavia, se la cessazione delle mestruazioni è improvvisa e netta (a causa di rimozione delle ovaie, uso di chemioterapia, radiazioni del bacino, o di qualsiasi processo che riduca l'afflusso di sangue alle ovaie) il corpo non ha tempo per regolare la nuova situazione ormonale, e si parla allora di menopausa patologica, in cui i sintomi, e le vampate di calore soprattutto, sono di maggiore intensità e frequenza.

Vampate di calore in menopausa
La causa più probabile della vampata è il cambiamento della funzione ipotalamica di termoregolazione in risposta alla diminuzione della concentrazione degli ormoni sintetizzati dalle ovaie.